Contattaci

Telefono: 0815742310 / 3289493468
Email: deratitalia@libero.it

Nome e cognome *

Email *

Telefono

Oggetto

Messaggio

Allontanamento incruento di volatili molesti

Rientrano in questo gruppo diverse specie di uccelli, tuttavia, tranne qualche cenno ad altre specie, si farà riferimento principalmente al colombo, sicuramente la specie più diffusa e quella con maggiori ripercussioni di carattere igienico-sanitario per le imprese.
Il sorprendente adattamento del colombo alla nicchia ecologica urbana ha permesso a questa specie di sopravvivere e riprodursi con grande successo nell’ambito di un ecosistema del tutto artificiale.
Le sovrappopolazioni di colombi possono, in alcuni casi, elevare il livello di rischio sanitario in maniera diretta, costituendo essi stessi fonte di patologie, e indiretta, albergando o richiamando altri parassiti vettori di patologie: in bibliografia sono riferiti 60 diversi agenti patogeni ospiti dei colombi e tra essi ve ne sono 7 la cui trasmissione all’uomo è certa.
Risulta quindi essenziale adottare misure volte ad impedire l’imbrattamento delle aree destinate alla preparazione o allo stoccaggio di alimenti, al fine di evitare la contaminazione di cibi ad opera di patogeni disseminati dai colombi (salmonellosi, campilobatteriosi, yersiniosi).

 

GABBIANO

Esistono diverse specie di gabbiani e solo poche sono considerate infestanti: il gabbiano reale e il gabbiano comune. Sono onnivori e vanno alla ricerca di cibo anche molto lontano dal luogo di nidificazione. Per quanto il problema sia comunemente confinato alle zone costiere, si assiste sempre di più al reperimento di questi uccelli nelle zone urbane, specialmente in prossimità di discariche a cielo aperto.

 

CONTROLLO INTEGRATO DEI COLOMBI E DEGLI UCCELLI IN GENERE

Non esistono precisi ed univoci riferimenti legislativi per guidare interventi di controllo sulla popolazione di uccelli e principalmente dei colombi. Inoltre, l’inquadramento giuridico del colombo di città è fonte di notevole confusione, oscillando tra la posizione di fauna selvatica e di animale domestico. Qualora il controllo del colombo sia motivato da ragioni sanitarie, spetta al Sindaco quale autorità sanitaria locale, mettere in atto provvedimenti, la cui istruttoria compete alle ASL, anche tramite interventi coattivi di cattura ed uccisione, sempre nel rispetto delle leggi in tema di maltrattamento animale. Il colombo può però essere dissuaso dal frequentare determinate zone o edifici, ed è questo l’obiettivo primario di ogni campagna di controllo su volatili molesti.
A tal fine possono essere impiegati mezzi passivi di dissuasione e sostanze innocue per allontanarli efficacemente da depositi, fabbricati, ecc.